Rieti

Un “Archivio della Memoria e dei modi del fare”

rieti

Una delle principali caratteristiche della cucina italiana è probabilmente imputabile alla sua estrema varietà, sia dal punto di vista territoriale, sia da quello degli ingredienti e delle materie prime che sono alla base dei piatti e della loro storia.

Ogni regione d’Italia, a partire dal nord, passando per quelle del centro e giungendo a quelle del sud, è dotata di caratteristiche uniche sia dal punto di vista paesaggistico – culturale che da quello del clima e, di conseguenza della tipologia di terreno e di ambiente nel quale poter coltivare i prodotti, materia prima indispensabile per poter avere una cucina ricca e sana, quale è quella mediterranea. Proprio la cucina mediterranea può essere considerata un vero e proprio punto di riferimento in termini di alimentazione sana e salutare. Tra gli alimenti alla base della dieta mediterranea si possono considerare, fra gli altri, i cereali, impiegati per la produzione di alimenti come la pasta, sia lunga che corta, e il pane, i legumi, frutta e verdura, olio d’oliva, e tanti altri prodotti naturali e legati alla terra e al territorio.

La provincia di Rieti, capoluogo della provincia detta “Sabina”, ubicata nel centro geografico d’Italia (Umbilicus Italiae), è un’area a forte vocazione agroalimentare e può vantare alcuni tra i prodotti più significativi della tradizione regionale, nonché alcune eccellenze a livello nazionale. Nel Reatino, infatti, ci sono oltre 140 prodotti tipici ed in particolar modo, 16 formaggi, tra cui il Pecorino Romano DOP, 30 salumi e carni, tra cui il Prosciutto Amatriciano IGP, 3 oli, tra cui l’Olio Sabina DOP e 2 vini, di cui 1 IGT (Lazio) e 1 DOC (Colli della Sabina). Questo è un segnale di come le aziende della filiera agroalimentare siano in linea con un modello di sviluppo che comprende un “pacchetto”: territorio – agricoltura – cultura – tradizione. La cucina reatina, riassunto di una gastronomia variegata ricca di apporti e preparazioni provenienti da varie zone delle regioni confinanti o di comunità di paesi lontani, è il risultato dell’ amore per la natura ed i frutti della terra, il gusto delle cose semplici e genuine…. questa è la Gastronomia Sabina. Prodotti di eccellenza, a cui è stata attribuita la Denominazione d’origine protetta dell’olio extra vergine della Sabina, la Denominazione di Origine Controllata del Vino dei Colli della Sabina, la certificazione dell’Indicazione Geografica Protetta della castagna reatina, della trota, della carne, del prosciutto reatino, nonché il riconoscimento di Specialità Tradizionale Garantita per la “Salsa amatriciana”, conosciuta in tutto il mondo. Tartufi, funghi, frutti di bosco, ortaggi freschi e legumi, formaggi di alti pascoli, insaccati gustosi, pane e dolci tradizionali completano il variegato panorama dei sapori, autentici della provincia di Rieti. L’idea progettuale della Camera di Commercio di Rieti, partner di una solido partenariato camerale, scaturisce dalla volontà di celebrare e promuovere la Dieta Mediterranea e con essa il territorio che ne esprime eccellenze culturali, ambientali e produttive, dichiarando la vocazione, in prospettiva, di comprendere l’intero territorio nazionale in una corale rivendicazione di appartenenza ad una millenaria tradizione.

Il riconoscimento della Dieta Mediterranea quale patrimonio immateriale dell’Umanità da parte dell’Unesco, ha consacrato il valore economico e sociale assunto dall’alimentazione Made in Italy in ragione dei primati produttivi e nutrizionali delle principali produzioni base quali frutta, verdura, pasta, vino e olio di oliva, formaggi e prodotti da forno, riconoscimento legato anche al valore storico che ha assunto questo modello alimentare negli stili di vita e per i benefici dimostrati scientificamente. Le video testimonianze qui raccolte hanno la finalità di rivalutare ed elevare concetti della cucina “povera” delle nostre terre. Con l’acume e l’ingenuità delle genti che da sempre popolano il luogo, si è riusciti oltre che a repertare un patrimonio, a connotarlo con il giusto valore che si deve alla storia millenaria della tradizione che si perpetua nelle case di ognuno di noi.